Lecce

Lecce, la capitale del Barocco. Non c’è strada del centro storico in cui non si possa ammirare il trionfo di questo particolare e unico stile architettonico. Stile che è l’identità stessa della città.

Detta la Firenze del Sud, Lecce è una città da scoprire con i ritmi lenti tipici del Salento: una passeggiata in pieno centro tra chiese, piazzette e palazzi lascerà il visitatore estasiato grazie ai numerosi monumenti a cielo aperto: Chiese, palazzi, case private.

Le Chiese, in particolare, costituiscono un enorme valore culturale per la città. Sono numerosissime. e una diversa dall’altra pur nel rispetto dello stile architettonico.

Degna di nota la splendida piazza del Duomo uno dei luoghi più visitati della città.

Fra i capolavori del barocco leccese La Basilica di Santa Croce, forse il monumento simbolo della città. Un capolavoro costruito in oltre 300 anni di lavori, in cui si sono succeduti ben 3 architetti. La facciata colpisce per le centinaia di simboli e figure mitologiche, espressione della creatività e della maestria dei maestri scalpellini.

Perfettamente integrato con la maestosità e la bellezza della Basilica, il Palazzo dei Celestini, della metà del ‘500 e sede della Provincia e della Prefettura, completa il colpo d’occhio per la delizia degli amanti del bello.

La piazza principale della città è piazza S. Oronzo dominata dalla Colonna innalzata nel 1660 il cui capitello ornava una delle colonne che a Brindisi delimitavano la fine della via Appia romana. Posta sul capitello la statua di Sant’Oronzo, patrono della città.

In piazza anche l’Anfiteatro romano e il “Sedile”, edificato intorno alla fine del 1500, sede di scambi commerciali.